Domenica 24 06 2018 - Aggiornato alle 07:16

tragedia_alle_macalube_due_bambini_travolti_dal_fango_di_due_vulcanelli
Tragedia ad Aragona Esplode un vulcanello alle Macalube: due bambini travolti dal fango

I soccorritori hanno estratto dal fango il padre e la figlia di 7 anni. Per la bimba non c'è stato nulla da fare. In serata le ricerche hanno consentito di ritrovare anche il fratello della piccola. Aveva 9 anni

di Dario La Mendola - 27/09/2014

Drammatico incidente stamattina alle Maccalube, ad Aragona. Tre visitatori della riserva naturale, un uomo e i suoi due figli, sono stati coinvolti dall'esplosione di un vulcanello di fango. Nella tarda mattinata di oggi, un'improvvisa ondata di argilla, causata dall'esplosione di uno dei vulcanelli presenti nella vasta area delle Macalube, ad Aragona, in provincia di Agrigento, ha favorito la creazione di una notevole pozza di fango sulfureo, risucchiando tre visitatori della riserva naturale, un uomo e i suoi due figli, coinvolgendo anche una coppia di turisti statunitensi.

L'uomo, un carabiniere che presta servizio a Joppolo Giancaxio, in questo momento in forte stato di shock, subito dopo l'esplosione è riuscito a trarsi in salvo, e ha tentato la ricerca dei propri figli, ricoperti da uno spesso manto di fango. I soccorsi, sopravvenuti sul luogo nei minuti successivi all'incidente, sono riusciti a estrarre la figlia di sette anni, che presentava le vie respiratorie ostruite dal fango.

Effettuate le manovre di rianimazione da parte dei Vigili del fuoco, la piccola, è stata trasferita all'ospedale San Giovanni di Dio, in contrada Consolida, dove purtroppo è deceduta. Del fratellino, di 9 anni, ancora, nessuna traccia fino a sera. Poi il ritrovamento in serata del corpo senza vitadel bimbo che proprio oggi festeggiava il suo compleanno. Un elicottero della Guardia di finanza, diversi mezzi meccanici, cani da ricerca e decine di uomini delle forze di polizia e dei Vigili del fuoco hanno perlustrato l'area per tutto il giorno fino al ritrovamento.

Non appena la drammatica notizia si è diffusa, in tanti hanno raggiunto la riserva: il sindaco di Aragona, Parello, che ha partecipato ai soccorsi; il sostituto procuratore di Agrigento, Carlo Cinque; il comandante generale dell'Arma dei carabinieri, Leonardo Gallitelli; il comandante della Legione Sicilia, Giuseppe Governale.

SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

scrivi alla redazione